Viaggio in Francia

Benvenuti in questo articolo vi guiderò per un viaggio in Francia

francia panorama

Le città principali. Parigi, la romantica capitale della Francia, è piena di attrazioni famose, tra cui la Torre Eiffel, la cattedrale di Notre Dame la Ile de la Cité, l’Arc de Triomphe che porta agli Champs Elysées, il Sacré Coeur, il quartiere artistico di Montmartre, la piramide del Louvre, il moderno Museo scientifico dellaVillette, etc. Vicino Parigi non si può dimenticare Disneyland, la reggia di Versailles, ex residenza di Luigi XIV, il Re Sole, e quella un po’ più lontana di Fontainebleu, ed i castelli della Valle della Loira, tra cui Blois, Chambord, Chenonceaux, Azay le Rideau e Chinon. Ma di tutto questo parliamo ampiamente nella nostra pagina su Parigi e dintorni. Con il suo accento distinto e ritmo di vita rilassato, Marsiglia è invece il più importante porto commerciale del Mediterraneo, e una delle città francesi più vibranti: ci sono molti siti di interesse – il vecchio porto, la collina della chiesa di Notre-Dame-de-la-Garde, numerosi musei, Le Corbusier Unité d’Habitation, l’Hospice de la Vieille Charité e il Castello d’If. Invece Bordeaux, capitale dell’omonima regione del vino, è una città raffinata costruita alla foce del fiume Gironda:dichiarata patrimonio dell’UNESCO e meritevole di una visita già solo per questo fatto, è famosa in tutto il mondo per il suo vino e per i vigneti delle sue campagne, ed è l’ideale per relax esotici. E poi ci sono i villaggi i cui nomi evocano visioni di grandi vini quando si percorrono – Margaux, Saint Julien, Saint Emilion, Sauternes – e tutti entro 30 km da Bordeaux. La Francia ha molte altre città interessanti, tra cui Cannes, Lione, Lille, dove il visitatore può trovare hotel di lusso, ristoranti, monumenti e molto altro. La maggior parte delle persone è d’accordo, tuttavia, che è nel Sud-Ovest del Paese che si trova la ‘vera’ Francia, quella dei romanzi francesi e dei film: una terra incontaminata di campi di girasoli e vigneti, di contadini baschi, di villaggi in pietra d’oro e tetti rossi di tegole appollaiati sulle colline: dai villaggi e castelli della Dordogna attraverso la fiabesca cittadella di Carcassonne allo splendore dei Pirenei, questa è la regione che meglio rappresenta la Francia di oggi.

bellezze naturali francia

Le bellezze naturali. Un posto molto famoso della Francia è Mont Saint Michel, un isolotto roccioso che si trova in Bretagna, facente parte del Patrimonio Mondiale dell’UNESCO, dove si può osservare in modo spettacolare il fenomeno delle maree. La Corsica, la grande isola francese nel Mediterraneo, è un ambiente aspro e incontaminato, e dai pittoreschi paesi – in particolare Ajaccio e Bastia, famosa per i suoi cimeli napoleonici. La Rochelle, sulla costa dell’Oceano Atlantico, è un’incantevole cittadina di pescatori che offre numerosi tesori: da una moltitudine di musei alle crociere in partenza verso le tre isole piccole e belle del Re, di Aix e di Oléron. Avendo una lunga fascia costiera, la Francia dispone di alcune spiagge di classe mondiale, bellissime ed esotiche, permettendo una scelta infinita per i turisti. Una zona molto bella e adatta per vacanze rilassanti è quella della Borgogna, Alsazia e Rhône-Alpes(Rodano-Alpi), che offre uno dei paesaggi più belli del Paese, ed è meglio conosciuta come la regione dei vini. Qui trovereteBeaune, una piccola e deliziosa città nota per la degustazione e l’Hotel-Dieu (un affascinante ospedale medievale), e Dijon, una grande città e la capitale storica dei duchi di Borgogna, caratterizzata da un’architettura interessante (case di città storiche e palazzi), ottimo cibo e vino fantastico. Infine, la Cote D’Azur (Costa Azzurra), sulla costa mediterranea della Francia, offre innumerevoli borghi e città sorprendenti. Ricca di luoghi, sapori, di lusso e la storia, questa è una delle zone della Francia più note al mondo, dove si possono praticare nello stesso giorno il nuoto e lo sci. Immersa tra le colline alle spalle della Costa Azzurra, la Provenza è invece un paradiso ricco di sapori, suoni e profumi. Vi si trovano molte città sorprendenti, come Aix-en-Provence e Avignone e innumerevoli borghi molto belli. Infine le Alpi francesi, che ospitano tre parchi nazionali, offrono opportunità fantastiche per sciatori e snowboarder in inverno, con oltre 200 stazioni. In estate, escursioni a piedi, rafting, mountain bike, e canoa sono molto diffuse. In particolare Courchevelles, sulla cima delle Alpi francesi, in Alta Savoia, offre incredibili panorami di montagna in inverno e d’estate. 

notre dame parigi

Le altre attrazioni. La Francia ha un ricchissimo patrimonio culturale, che risale a migliaia di anni. Questo Paese è famoso nel mondo per le sue collezioni ineguagliate di musei, castelli e cattedrali medievali incredibili, e naturalmente per la sua varietà di piatti deliziosi e di vini. Ha innumerevoli attrattive storiche e culturali tra cui alcuni dei più affascinanti tesori protetti dall’UNESCO. Tra le numerose cattedrali, segnaliamo Reims, dove Clovis (il primo re francese) è stato battezzato, Chartres e Tours, oltre ad Amiens,Rouen, Beauvais. Da segnalare, oltre ai castelli della Valle della Loira più famosi o vicini a Parigi (come Chambord, Amboise and Chenonceaux), lo Château d’Azay-le-Rideau: un castello capolavoro del Rinascimento che domina un piccolo villaggio con lo stesso nome, situato a 261 chilometri a sud-ovest della capitale. Si può invece vedere ciò che il cristianesimo ha portato in Provenza visitando il Palazzo dei Papi ad Avignone, famosa anche per il suo splendido anfiteatro romano e le altre rovine romane. Il Pont du Gard è un interessante acquedotto romano a tre livelli vecchio di 2000 anni, sito nel sud della Francia, vicino a Remoulins. Ci sono magnifiche rovine romane anche a Nîmes, ‘la Roma dei Galli’, e ad Arles, famosa, tra le altre cose, per il suo teatro romano e per l’arena. In Dordogna, il turista può ammirare le famosissime grotte di Lascaux, un complesso di bellissime caverne dove si trovano esempi di arte parietale risalenti al Paleolitico, a una data compresa fra il 13.000 ed il 15.000 avanti Cristo, e in cui il tema più comunemente rappresentato è quello dei grandi animali dell’epoca. Infine, merita una visita l’avveneristico Futuroscope di Potiers, un parco scientifico a tema secondo in Francia solo alla Villette, dove il visitatore può provare esperienze sensoriali e interattive uniche al mondo. Anche la recente costruzione del ponte strallato più alto del mondo, il Viadotto di Millau, che attraversa la gola del Tarn, nel Sud della Francia, può meritare un’occhiata.

air france

Quando e come andare. Il tempo in Francia è più bello durante i mesi primaverili di maggio e giugno o all’inizio dell’autunno, nei mesi di settembre e ottobre, che dunque rappresentano il periodo migliore per un viaggio, anche se città come Parigi si prestano ad essere visitate anche in altri periodi, ad esempio durante le vacanze di Natale o a Capodanno. In questo periodo ci sono anche meno persone. Le vacanze estive nei mesi di luglio e agosto sono il momento peggiore per visitarla se non amate la folla (ed i prezzi più elevati). Il clima della Francia è generalmente freddo d’inverno e mite d’estate, ma inverni miti ed estati calde caratterizzano la riviera mediterranea e il sud-ovest del Paese. Le regioni costiere settentrionali hanno un clima temperato come l’Inghilterra. Le condizioni meteo, comunque, possono essere imprevedibili e la pioggia può verificarsi praticamente in qualsiasi momento dell’anno. Le regioni di montagna, in particolare le Alpi, ma anche il Massiccio Centrale ed i Pirenei, hanno inverni lunghi e freddi, con nevicate consistenti. La costa del Mediterraneo e la Corsica hanno un clima tipicamente mediterraneo con giorni caldi d’estate e brevi inverni miti. Questa regione della Francia ha il maggior numero di ore di sole ogni anno – undici o dodici – durante l’estate. Luglio e agosto sono i mesi più affollati. Si può raggiungere la Francia in aereo, che è il mezzo più veloce ed offre collegamenti da numerose città italiane, ma anche in traghetto da Genova o da Livorno, in treno (ad es. con i treni ad alta velocità da Milano o Torino per Parigi o Lione) oppure in auto, sicuramente il mezzo migliore per scoprire questo Paese in tutta libertà. In tal caso, si può passare per Ventimiglia o per il traforo del Monte Bianco, del Frejius, del Gran San Bernardo, del Monginevro, del Moncenisio, etc. Esistono anche dei collegamenti convenienti in pullman da Venezia, Padova, Genova, Milano, Torino, Roma, Firenze, Bologna.
guidare in francia

Guidare in Francia. Non tutte le autostrade francesi sono a pagamento, e quelle che lo sono si pagano ai caselli di uscita, come in Italia, non tramite bollino (vignette). Per guidare in Francia basta la patente italiana. Questo Paese ha tuttavia severe leggi di guida, in particolare per quanto riguarda i livelli di alcol nel sangue (0,5 mg / ml). Perciò, se guidate non bevete. E’ inoltre obbligatorio indossare le cinturedi sicurezza anteriori e posteriori. I limiti di velocità, di seguito riportati, sono applicati rigorosamente: 130 km/h sulle autostrade (ridotti a 110 km/h per chi ha la patente da meno di due anni), 110 km/h sulle strade a doppia carreggiata, 90 km/h sulle altre strade extraurbane, 50 km/h sulle strade urbane. Gli autovelox sono frequenti. In Francia, chiunque venga sorpreso a viaggiare a più di 25 km/h sopra il limite di velocità può avere la patente confiscata in loco. I limiti di velocità urbana iniziano nella città, e non sempre si trova prima il cartello di 50 km/h. Le luci anabbaglianti devono essere utilizzate in caso di scarsa visibilità diurna. I motocicli oltre 125cc devono utilizzare i fari anabbaglianti durante il giorno in ogni momento. I bambini sotto i 10 anni non sono ammessi nella parte anteriore dell’auto. Nella parte posteriore devono usare un opportuno sistema di trattenuta adeguato al loro peso, il che significa un seggiolino per bambini, se il peso è compreso tra 9 e 15 kg. Oltre questo peso si possono utilizzare le cinture di sicurezza con un cuscino di seduta. Occorre inoltre avere sempre con sé il documento di registrazione del veicolo, e il certificato di assicurazione degli autoveicoli nonché la Carta Verde. Qualora il veicolo non sia registrata a vostro nome, portate una lettera del proprietario in cui dà il permesso di guidare. Per quanto riguarda la dotazione dell’autoveicolo, la cassetta di pronto soccorso è consigliata, ma non obbligatoria. Sono disponibili tutti i tipi di benzina senza piombo e di gasolio. Come in Italia, il GPL è disponibile solo in alcune stazioni, la benzina al piombo non esiste più. Le carte di credito sono ampiamente accettate, anche se probabilmente non funzionano sulle pompe automatiche, che sono spesso le uniche aperte fuori orario nelle zone rurali, cioè a ora di pranzo e la notte.

cucina franceseAssaggiando la cucina francese.  La degustazione della cucina è uno dei motivi migliori per visitare la Francia. Cominciate la mattina con un bel caffellatte e squisiti croissant di ogni tipo, magari pieni di cioccolato fondente. In questo modo non avrete appetito fino a ora di pranzo. Assaggiate poi le famose escargotes (lumache), servite nel loro guscio con un sacco di burro, aglio e prezzemolo: sono una vera delizia francese. O, se preferite, buttatevi sul bouillabaisse, uno stufato abbondante di pesce che costituisce un pasto completo, e costituisce la specialità della Provenza (Marsiglia in particolare). In alcuni ristoranti, il pesce è servito separatamente dal brodo. Potete poi assaggiare le cuisses de grenouilles (cosce di rane), che hanno un gusto simile al pollo, ma sono salate e più delicate. Troverete i migliori esempi di questo piatto classico francese nella Valle della Loira. E che ne dite, se potete permettervelo, di assaggiare i truffes des (tartufi)? Sono una specie rara di funghi neri che devono essere scavati nel terreno da cani speciali o suini addestrati. D’accordo, passiamo al formaggio: brie, camembert, roquefort, chèvre, Gruyère, c’è solo l’imbarazzo della scelta: facciamoci consigliare dal cameriere sui migliori che hanno nel loro locale. E arriviamo al dessert: tartin tarte, soupe de fraises, flotant ile, crème brûlée, mousse au chocolat, ovvero torta di mele, zuppa di fragole, meringa con salsa di crema pasticcera, crema al caramello, mousse al cioccolato, e l’elenco potrebbe continuare, perché la pasticceria francese è deliziosa. Non vi sarà mica venuta fame…

scarica le guide turistiche :

Parigi

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Acconsento al trattamento dei dati

Nizza

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Acconsento al trattamento dei dati

Cannes

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Acconsento al trattamento dei dati

Lione

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Acconsento al trattamento dei dati

Belambra City - Magendie, Parigi [button-blu text=”Dove alloggiare” title=”Hotel” url=”http://www.viaggialtop.altervista.org/europa/francia”]